L’uomo moderno ha raggiunto la parte più occidentale dell’Europa già 40.000 anni fa

0
25

L’uomo moderno ha raggiunto la parte più occidentale dell’Europa tra 41.000 e 38.000 anni fa, circa 5.000 anni prima di quanto si era creduto fino ad oggi. La scoperta – riportata sulla rivista PNAS – deriva dall’analisi di reperti e di strumenti in pietra rinvenuti in una grotta chiamata Lapa do Picareiro, che si trova nel Portogallo centrale, vicino alla costa atlantica.

Gli strumenti rinvenuti collegano il sito di Lapa do Picareiro con reperti simili emersi in tutta l’Eurasia e indicano quindi una rapida dispersione dell’Homo Sapiens verso ovest, avvenuta nel giro di poche migliaia di anni dalla sua prima apparizione nell’Europa sudorientale. 

L’articolo completo su magazine.unibo.it