Trombosi polmonari da COVID-19: a Modena individuato per la prima volta al mondo il meccanismo di attivazione

0
18

Scoperto a Modena, per la prima volta al mondo, il meccanismo che provoca le microtrombosi polmonari nelle forme più gravi di COVID-19. Questo, in sintesi, il lusinghiero risultato dello studio condotto dai ricercatori del Team di Emolinfopatologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria (AOU) di Modena, guidati dal dottor Luca Roncati dell’Anatomia Patologica, diretta dal professor Antonino Maiorana dell’Università di Modena e Reggio Emilia (UNIMORE), con la fondamentale collaborazione della dottoressa Giulia Ligabue del Laboratorio di Nefropatologia della Nefrologia e Dialisi, diretta dal professor Gianni Cappelli di UNIMORE, e del dottor William Gennari, biologo molecolare del Laboratorio di Microbiologia e Virologia Molecolare del Dipartimento Interaziendale ad Attività Integrata di Medicina di Laboratorio e Anatomia Patologica, diretto dal dottor Tommaso Trenti dell’Azienda USL di Modena. Lo studio è stato pubblicato sull’ultimo numero di Platelets, rivista internazionale edita dalle prestigiose università britanniche di Birmingham e Cambridge. Per il loro studio i ricercatori modenesi hanno potuto avvalersi del Centro Interdipartimentale Grandi Strumenti di UNIMORE. 

L’articolo completo su www.magazine.unimore.it