Emilia Romagna. Il covid non ferma i trapianti: 318 trapianti e 119 donatori utilizzati nel 2020

0
6

“Un’attività sanitaria ad alta valenza sociale, che ogni anno permette di salvare vite umane e di dare nuove speranze a tanti pazienti, emiliano-romagnoli e non solo, visto che la regione mantiene una forte attrattività a livello nazionale, con oltre un paziente su tre che arriva da fuori”. Così la Regione Emilia Romagna descrive, in una nota, la rete della donazione e del trapianto di organi, che nonostante la pandemia ha registrato da gennaio a ottobre 2020 un numero di trapianti pari a 318 e 119 i donatori utilizzati. Numeri che, se confrontati con lo stesso periodo dello scorso anno (379 trapianti e 162 donatori) mostrano, secondo la Regione, “un calo prevedibile ma ridotto, segno che il sistema ha tenuto”. Sul totale delle registrazioni di volontà effettuate nelle anagrafi comunali della regione al momento del rinnovo o del rilascio della carta d’identità, il 75% è stato di consenso alla donazione.

L’articolo completo su www.quotidianosanita.it