L’Action Observation Therapy (AOT) ora sarà possibile anche per i bambini con diplegia direttamente a casa

0
70

Parma– Nell’ambito dell’ultimo bando della Ricerca Finalizzata del Ministero della Salute, l’IRCCS Fondazione Stella Maris ha vinto il primo progetto, guidato dalla dott.ssa Giuseppina Sgandurra, ricercatrice della Stella Maris e dell’Università di Pisa. Lo studio è dedicato ad estendere le precedenti esperienze di AOT (terapia riabilitativa basata sulla scoperta dei neuroni specchio, ossia la corrispondenza tra azione osservata e azione eseguita) dai bambini con paralisi cerebrale a tipo emiplegia (paralisi a uno dei due lati del corpo) a quelli con diplegia (paralisi a entrambi i lati).

L’articolo completo su www.unipr.it