Cos’è successo al nostro sonno durante il lockdown. Quali le ripercussioni neurologiche

0
33

Fra i numerosi studi che si sono occupati delle sequele provocate dalla infezione Covid-19, un lavoro retrospettivo su oltre 60.000 casi apparso in novembre su The Lancet Psychiatry colloca l’insonnia al secondo posto (dopo il disturbo d’ansia) nelle sequele psichiatriche dei pazienti Covid-19. Su JAMA Open, inoltre, il gruppo canadese capitanato da Charles Morin indica come l’insonnia, una volta comparsa, indipendentemente dal background, tenda a divenire una condizione permanente.

L’articolo completo su www.insalutenews.it